sabato 22 dicembre 2012

LA STORIA DI BABBO NATALE

Ciao a tutti!... Ieri non c'è stata la prevista (?) fine del mondo, Babbo Natale sta finendo di preparare la slitta carica di regali ed io vi regalo il secondo articolo che avevo scritto lo scorso anno  e pubblicato sul sito Dolcidee. Secondo me si tratta di una delle  più belle leggende sulla nascita di Babbo Natale! Questa è narrata in un libro poco conoisciuto di L. Frank Baum (l'autore de "Il Mago di Oz")  intitolato "La vita e le avventure di Babbo Natale".
La copertina del libro.
 
Da questo bellissimo libro è stato tratto anche un film a disegni animati che spesso, in questo periodo, viene proposto in televisione. Dovessero trasmetterlo anche quest'anno, vi consiglio di non perderlo perchè è veramente molto molto bello e adatto a grandi e piccini! Ma intanto questa stupenda storia ve la racconto io e spero che vi piaccia tanto quanto piace a me!
Nella foresta di Burzee (dove vivevano e vivono ninfe,folletti e creature fatate e immortali, guidate dal Signore delle Foreste e del Mondo), viveva una ninfa di nome Necile. Un giorno Necile trovò un piccolo umano e chiese ed ottenne il permesso di tenerlo con sé. Lo chiamò Neclaus, cioè piccolo di Necile. Tutte le creature fatate lo accolsero con gioia tra loro e il piccolo Neclaus crebbe sano e forte. Quando divenne un giovane uomo, Ak, il Signore di quel luogo incantato,decise di portarlo a vedere il mondo degli umani di cui Neclaus faceva parte. Egli rimase colpito dai bambini,dalla loro innocenza, dall’entusiasmo e dalla gioia che essi trasmettevano a chi stava loro accanto ma anche dal dolore che potevano provare. Tornato alla foresta di Burzee, prese una decisione irrevocabile: decise di prendersi cura dei figli degli uomini cercando di renderli felici. Fu così che raggiunse una ridente valle,a metà strada tra il mondo degli uomini e la foresta di Burzee e proprio lì, con l’aiuto delle creature fatate, costruì la sua casa. Arrivarono l'inverno e la neve e Neclaus si trovò isolato dal resto del mondo. Chiuso nella sua casa calda insieme alla sua gatta, annoiandosi decise di passare il tempo intagliando un pezzo di legno, fino a farne un gatto acciambellato. Pochi giorni dopo, incontrò un bimbo del vicinato sperduto nella bufera di neve e lo accolse in casa per riscaldarlo. Il bambino vide quel gatto di legno e gli piacque molto. Fu così che iniziò la sua grande impresa. Neclaus, che gli umani chiamavano Nicholas, entrava nelle case dove c’erano dei bimbi e lasciava loro dei regali. Se la porta era chiusa, saliva sul tetto e si infilava nel camino aiutato da una magica cintura donatagli da Ak. Di solito andava a distribuire i regali a piedi ma,con l’avanzare dell’età e con l’aumentare dei regali da consegnare, ebbe bisogno di un mezzo di trasporto. Fu così che decise di utilizzare una slitta trainata da delle renne che gli vennero prestate da un elfo protettore degli animali. Ma un giorno tornò tardi e l’elfo non volle più che usasse le sue renne. Dopo molte insistenze e varie peripezie, l’elfo cedette e concesse a Nicholas l’uso di 8 renne ma solamente per una notte all’anno: la notte di Natale perché per gli umani già consideravano Santa e magica quella notte. Gli anni passavano e per Nicholas era giunto il momento di lasciare questo mondo ma Necile, Ak e tutti gli abitanti della Foresta di Burzee, si recarono al consiglio degli immortali per chiedere l’immortalità per Nicholas. Dopo aver ascoltato le imprese di Nicholas per rendere felici i bambini, decisero di donargli il mantello dell’immortalità. Fu così che Necile, Ak e gli altri,in una corsa contro il tempo, portarono questo dono a Nicholas e lo resero immortale insieme alla sua gattina. Ancora oggi,nella notte di Natale, Nicholas,Santa Claus,Babbo Natale, porta i regali ai bambini di tutto il mondo …. e sicuramente sceglierà di andare prima nelle case dove sa che troverà una tazza di latte e dei deliziosi biscottini da inzuppare.

5 commenti:

  1. Cara Bely, dopo la notizia della fine del mondo (ahahahah!) ci voleva proprio un bel racconto come questo per scaldarci il cuore :) Buon weekend ^.^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eì proprio vero!!! Baciotti e buon fine settimana anche a te!!!

      Elimina
  2. Una bella favola scalda pure l'anima!

    RispondiElimina
  3. Non ho mai creduto alla fine del mondo, mentre credo e voglio credere a Babbo Natale:)
    Buon Natale a te e a tutta la tua famiglia!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...