giovedì 5 luglio 2012

COMPILATION DI MARMELLATE DI ALBICOCCHE

Vista la grande quantità di albicocche che il mio albero mi ha regalato, non ho potuto resistere alla tentazione di fare della marmellata! Così mi sono messa all'opera ed in questi giorni ho lavorato molto... ne ho fatte di tanti tipi, oltre a quella classica! Ho finito giusto ieri, con la marmellata di albicocche ai chiodi di garofano, profumatissima, come tutte le altre!!! Per comodità mia, ho usato il fruttapec, ma riporto anche la ricetta fatta con metodo tradizionale che uso quando ho molto tempo da dedicare alla marmellatizzazione!

Il mio albicocco stracarico di frutti. Ce ne sono così tanti che la albicocche sono piccolissime: hanno la dimensione di una noce!

Ingredienti di base:

Albicocche
Zucchero
Fruttapec 2:1
Succo di limone

Ingredienti per le varianti:

Amaretti pestati (6 per ogni kg)
oppure
Mandorle tritate grossolanamente (100 gr. per ogni kg)
oppure
Chiodi di garofano (ne ho messi 10 per ogni kg)
oppure
Lavanda, lavata e messa in un sacchettino di garza (1 mazzetto per ogni kg)
oppure
Ruhm (1 bicchierino per ogni kg)

Procedimento:

Lavare, snocciolare, pesare le albicocche e metterle in una pentola di acciaio inox piuttosto alta. A questo punto il metodo classico ed il metodo rapido si differenziano.

Metodo col fruttapec:
Tagliare a pezzettini piuttosto piccoli le albicocche. Per ogni chilo di frutta aggiungere mezzo chilo di zucchero ed una bustina di fruttapec 2:1 (già mescolata con lo zucchero). Se si vuole fare una delle varianti sopra indicate, aggiungere ora l'ingrediente prescelto. Porre la pentola sul fuoco (mescolando) e, da quando prende bene il bollore, calcolare 3 minuti di bollitura per ogni chilo di frutta. Levare dal fuoco e mescolare per un minuto affinchè la schiuma svanisca. Fare la prova piattino e se la marmellata non ha ancora raggiunto la giusta consistenza (ricordatevi però che quella finale verrà raggiunta solo dopo 24 ore!), aggiungere il succo di un limone per ogni chilo di frutta. Portare di nuovo ad ebollizione e far bollire per un minuto (sempre per ogni chilo di frutta).

Metodo classico:

La frutta può essere tagliata a pezzettini piccoli o lasciata intera a piacere. Versare sulla frutta la metà del suo peso in zucchero. Mescolare bene e coprire con un canovaccio pulito. Far riposare almeno 5-6 ore (ma anche tutta la notte va bene!), mescolando di tanto in tanto (se si lascia tutta la notte non è necessario alzarsi a mescolare!!!). Dopo il riposo la frutta avrà rilasciato l'acqua di vegetazione. Aggiungere il succo di un limone per ogni chilo di frutta. Mettere la pentola sul fuoco e far bollire mescolando spesso. Se si vuole fare una delle variazioni sopra proposte, dopo circa 20 minuti di bollitura, aggiungere l'ingrediente desiderato e far cuocere ancora per 5 minuti e fare la prova piattino.  Per la marmellata classica, dopo 20-30 minuti dall'inizio del bollore, fare la prova piattino. Se la consistenza non va ancora bene proseguire la cottura ancora mezz'ora e rifare la prova.

Da qui i due metodi tornano ad essere uguali.
Versare la marmellata nei vasetti (che dovranno essere puliti, asciutti e sterilizzati), lasciarli raffreddare coperti da un canovaccio pulito e tapparli con i coperchi (ovviamente nuovi, lavati, asciugati e sterilizzati!). Ora avvolgere ogni vaso in canovacci e mettere a bollire a bagnomaria, ben coperti d'acqua, per circa 40 minuti. Far raffreddare dentro la loro acqua. Riporre in dispensa ed attendere un mesetto prima di assaggiare.

Con questa ricetta partecipo al contest "Marmellata Mon Amour" del blog Cucinare ... la mia passione.




9 commenti:

  1. MITICA!!!
    insierisco la compilation nel contest.. alcune di queste le dovrò provare!
    ciao e a presto
    Paola

    RispondiElimina
  2. quante golose e profumate varianti!

    RispondiElimina
  3. devo provare l'abbinamento coi chiodi di garofano. GIà immagino i due gusti nella mia testolina e mi vien l'acquolina (ed ho fatto pure rima, involontaria!)

    RispondiElimina
  4. ma che spettacolo di albero :) e che buone le tue marmellate, ti sei specializzata !

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutte! Quest'anno il mio albero è stato molto generoso e ho voluto premiarlo fotografandolo pieno di frutta ma se guardate il mio articolo sulla primavera, c'è sempre lui, tutto fiorito! E anche la mia icona è un suo fiorellino!!!

    RispondiElimina
  6. Brava Belinda! Adesso fatti degli ottimi panini con la marmellata, per te e i tuoi bimbi, carica tutto in macchina...anche i bimbi, e parti per una bella mattinata al mare! Ti ci vuole un po' di relax dopo tutte queste fatiche!!!!

    RispondiElimina
  7. L'albero di albicocche! Beata te...
    Vorrei assaggiarle...

    Ho visto anche tante torte bellissime... complimenti (come sempre)!
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  8. Quest'anno la produzione di albicocche è stata al massimo. Ho preparato anch'io tanta marmellata. Grazie per tutte le varianti. Bacioni!

    RispondiElimina
  9. complimenti per le ricette sono davvero interessanti!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...