sabato 14 aprile 2012

CORONA DI PANE AL FORMAGGIO

Mia cognata Aura è una bella e simpatica ragazza rumena. La scorsa settimana ha festeggiato la Santa Pasqua assieme a noi ma lei è di religione ortodossa e la Pasqua ortodossa si celebra una settimana dopo quella cattolica. Aura sente molto la nostalgia della sua famiglia e delle sue tradizioni (pur accettando e rispettando le nostre), quindi ho pensato di farle una sorpresa preparando il dolce tipico di Pasqua che le preparava sempre sua madre. Siccome non so come si scrive il nome di questo dolce, lo chiamerò solo "Corona di Pane (di Pasqua) al formaggio". Tradizionalmente, questo dolce viene preparato il Sabato Santo e portato in chiesa per essere benedetto la mattina della Domenica di Pasqua.

La corona è pronta.


La ricetta l'ho trovata su internet (precisamente qui) e, dalla descrizione che mi ha fatto Aura, sembra molto simile a quella che fa sua mamma!Tradurla dal rumeno è stato molto difficile (io non conosco quella lingua e non potevo farmi aiutare da Aura, altrimenti addio sorpresa!)! Il traduttore di google dava una traduzione letterale che a mia volta ho dovuto volgere in italiano corrente! Un lavoraccio, insomma! Mi scuso con chi conosce la lingua se ho sbagliato a fare la traduzione! Non è stato facile ma ecco la ricetta come l'ho capita io ... collaudata ed approvata!

LE DOSI SONO PER PREPARARE 2 CORONE(ma quando l'ho preparata non lo sapevo!)

Ingredienti per la pasta di pane:

50 g di burro
125 g di zucchero
3 uova
250 ml di latte
500 g di farina + 3-4 cucchiai
2 cucchiai di olio
1 cucchiaio di estratto di rum
25 g di lievito fresco (un cubetto)

1 pizzico di sale

Ingredienti per il ripieno:

1 kg di formaggio cremoso (io ho usato la ricotta)
50 g di burro
2 bustine di vanillina
5 uova
200 g di zucchero semolato
3 cucchiai di panna acida
1 cucchiaino di estratto di rum
1 cucchiaino di rum
150 grammi di uvetta
1 cucchiaio di farina
1 cucchiaio di semola
scorza grattugiata di 1 limone
un pizzico sale



NOTA: La quantità di ripieno indicata nella ricetta è esagerata per una teglia da 26 cm di diametro come la mia. Vi consiglio di dimezzare le dosi! Avrò sbagliato a tradurre? Boh! Nelle foto, il ripieno che ho messo è circa la metà di quello indicato nella ricetta qui sopra. La pasta, invece, l'ho messa tutta ed il risultato è veramente altissimo, guardate: è venuta alta 8 centimetri abbondanti!


Però la pasta era troppa, come si vede dalla foto della fetta,


quindi ho dedotto che le dosi indicate nella ricetta erano per fare 2 corone!


Procedimento:

Sciogliere il lievito in poco latte tiepido con un po' di zucchero (io ne ho messi 25 gr. del totale). Far bollire il rimanente latte (io non l'ho fatto bollire, però) ed agguingere 3-4 cucchiai di farina (che corrispondono a circa 140-150 gr) mescolando per evitare grumi. Lasciar raffreddare, quindi aggiungere il lievito.
Questo impasto semiliquido va messo in una capiente ciotola (crescerà molto!), coperto con un canovaccio e lasciato in un luogo caldo a lievitare.

A parte, sbattere i tuorli d'uovo, aggiungere gradualmente il sale e lo zucchero rimanente finché non diventa una crema spumosa. Battere leggermente gli albumi. Mettete in una ciotola il resto della farina (io ho messo tutto nella planetaria) e aggiungere il lievito e impasto di farina e mescolare, aggiungere gradualmente i tuorli d'uovo e gli albumi.
Mescolare bene tutto, ed impastare 20-30 minuti (se lo fate a macchina ne bastano la metà), poi gradualmente aggiungere  l'olio, burro sciolto e l'estratto di rum. Se la pasta si indurisce troppo si può aggiungere un poco di latte tiepido (a me non è servito). Una volta terminato l'impasto, coprire la ciotola con un canovaccio e metterela in un luogo tiepido a lievitare per circa 1 ora.


L'impasto dopo un ora abbondante di lievitazione.

Quando l'impasto si è gonfiato abbastanza, suddividere in due metà, e poi dividere una delle due metà  in 3 parti uguali. Dalla prima metà ricavare un disco che andrà messo sul fondo della tortiera (coperta da cartaforno). Dei tre pezzi di pasta rimanenti, prenderne 2  e rotolarli sul tavolo finchè avranno lo spessore di una matita. Piegarli a metà ed intrecciarli (verrà una treccia a 4 capi).

Sono un  po' cicciotti, questi salamini...
...ma la treccia è venuta lo stesso!
Mettere questa treccia tutto intorno al disco di prima, dentro la tortiera. Lasciare lievitare ancora un'oretta.
E ora tutto nella teglia a lievitare ancora un po'!
Dal terzo pezzo di pasta, formare dei rotolini che poi verranno disposti a forma di croce, sopra il ripieno.

Per il ripieno, sbattere la ricotta con una frusta assieme al burro, aggiungere i tuorli, il sale, la vaniglia, il limone, la semola, la farina, la panna (io non l'avevo ed ho usato dello yogurt naturale), l'uvetta (fatta rinvenire in acqua calda e asciugata) e gli albumi montati a neve. Versare sulla pasta e aggiungere la croce di pasta.

Prima della cottura...

Spennellare con l'uovo per ottenere un bel colore dorato (io non l'ho fatto!). Cuocere a fuoco medio (180°) per circa 1 ora. Sfornare e lasciare un po' raffreddare prima di sformare il dolce.
...dopo la cottura!

E questo, invece, è quello  che mi sono inventata per usare il ripieno avanzato!

21 commenti:

  1. ma brava hai avuto davvero una bella idea,far festeggiare la Pasqua anche a tua cognata secondo le sue tradizioni,bello davvero,questa corona di pane mi sembra davvero molto buona,mi sa che te la copierò presto.ciao buon sabato

    RispondiElimina
  2. che bella ricetta! sembra davvero buona ed hai avuto un bel pensiero davvero! Io ho una collega anch'essa rumena e anche lei infatti mi ha detto che festeggia la pasqua in questi giorni, io le ho fatto il dolcetto a forma di coniglietto^-^ quello che hai visto su uno dei miei post! è la stessa collega alla cui bimba (Giorgia) ho fatto la torta per il suo primo compleanno! Anche la mia collega non ha i familiari qui in Italia ma in Romania e fargli sentire un pò di calore familiare mi fà davvero piacere :-)

    RispondiElimina
  3. E' bello condividere e rispettare le tradizioni altrui... ed è ancora più bello se qualcuni ti fa sentire a casa!!! Domani mattina porterò questo dolce ad Aura...e poi vi farò sapere!!!

    RispondiElimina
  4. Belinda, non so cosa ne pensi tua cognata, ma io credo che tu sia una persona dolcissima!!!

    RispondiElimina
  5. Grazie M. Grazia!!! Le voglio molto bene. Sai, noi (io, i miei genitori, mio fratello e mia sorella) abitiamo tutti nella stessa strada e passiamo veramente molto tempo assieme... I miei genitori l'hanno accolta come una figlia e lei ricambia i nostri sentimenti con tanti piccoli grandi gesti!

    RispondiElimina
  6. Una bellissima dimostrazione di affetto e di rispetto. E poi questo pane è fantastico! Complimenti :)

    RispondiElimina
  7. Che ricetta particolare!
    Sei davvero molto brava, complimenti!

    ...mi piace questo blog dove si descrivono stelle , significato delle piante e golose e bellissime torte, ti seguo con piacere!

    RispondiElimina
  8. Che bella la tua torta, da provare davvero...anche io oggi ho fatto una treccia per la Pasqua ortodossa in onore di mio marito....Auguri a tutta la famiglia e a tua cognata Kalo Pascha! Christos Anesti! Alitos Anesti!
    (Buona Pasqua, Cristo e' risorto, e' veramente risorto)

    RispondiElimina
  9. Questa torta sembra deliziosissima! Da provare!! Brava,le avrai fatto un regalo stupendo,ma la cosa non mi meraviglia,tu sei così.Baci...

    RispondiElimina
  10. Grazie a tutte, amiche mie!!! Baciotti!

    RispondiElimina
  11. Sei stata bravissima..
    è gia' da apprezzare il solo gesto..
    poi riuscire magnificamente nell'impresa e sicuramente da ammirare..e credo proprio tua cognata
    sia stata super contenta!!
    Buona Domenica

    RispondiElimina
  12. Un pensiero davvero carino verso tua cognata, poi la ricetta e' molto interessante ^^ Grazie mille del passaggio, il tuo blog e' davvero carino!
    Alla prossima:)

    RispondiElimina
  13. complimenti sei stata doppiamente bravissima sia per il dolce pensiero sia perchè lei fatto rivivere la sua pasqua sono felice di seguirti anche io ciao :)b

    RispondiElimina
  14. Aura ha gradito moltissimo questo dolce! Si è commossa... anche perchè mi è venuta proprio identica a quella che le preparava sua mamma (di sapore e di aspetto, ma una volta tagliata si è visto che avrei dovuto dimezzare anche la pasta!)!!! Devo dire che l'ho assaggiata: è veramente buonissima!!!

    RispondiElimina
  15. La corona è pronta ed è bellissima! credo che Aura sia stata felice!

    RispondiElimina
  16. Che carina che sei stata =) e poi ha un aspetto ottimo complimenti

    RispondiElimina
  17. ciao Belinda!! piacere di conoscerti! e complimenti per questo spettacolare dolce! a presto :-)

    RispondiElimina
  18. complimenti per il blog e per questa fantastica ricetta ti seguo con piacere se ti va passa da me ciao

    RispondiElimina
  19. Il dolce diventa speciale se unisce le persone care e se ci fanno rivivere piacevoli ricordi.Complimenti!

    RispondiElimina
  20. Veramente complimenti! Sia per l'idea che per la realizzazione. Vorrei chiederti, ma l'estratto di rhum cos'è? Scusa la mia profonda ignoranza. E poi, quanto più o meno ci hai messo..

    RispondiElimina
  21. Io uso l'aroma in fialette che si trova in tutti i supermercati. Se non ce l'hai, va bene anche il ruhm vero e proprio.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...